I ribelli di Ground Zero: 11 settembre, l’ultima cospirazione USA

I controversi slogan di 9-11 Truth seminano il dubbio e il sospetto. Dividono in frange opposte cittadini che hanno finora sfilato insieme nei cortei, uniti dal dolore, dalla rabbia e dalla comune convinzione che l’attacco alle Twin Towers è stata solo follia omicida, e niente di più. La lotta al terrorismo, in realtà, è solo una scusa per inasprire i mezzi di repressione all`interno del paese e giustificare le guerre del petrolio

Azerbaijan: Journey Among the Forgotten War Refugees

L’ Azerbaijan non è solo una riserva di oro nero, l’ Azerbaijan è anche una guerra dimenticata da TV e giornali.Nella terra di Nagorno-Karabakh sono aspri i dissidi tra le comunità armene e azere. Dramma di uomini, donne e bambini schiacciati tra i raggiri di una classe dirigente corrotta e una Comunità internazionale finora imbavagliata dallo status-quo geopolitico tra USA e Russia nello scacchiere caucasico

Elections in Egypt: Democracy Vs geopolitics

In Egitto si intravede la democrazia alle elezioni volte a garantire un rinnovo parlamentare. Per la prima volta l’opposizione si organizza seriamente per rosicchiare una bella fetta di voti al partito governativo, ossia il Partito nazional-democratico (PND). Il nuovo movimento popolare “Kifaya” ha dato vita ad una spontanea protesta contro la guerra in Iraq che si è trasformata inaspettatamente in una rivolta di massa contro i soprusi e i disagi sociali che soffocano l’Egitto sin dall’indipendenza del ‘52

Lebanon’s Elections: A Political Mess

L’esito delle elezioni in Libano è per alcuni la prima svolta democratica in Medio-Oriente, per molti rappresenta solo il mantenimento dell’ immobilità politica. Michel Aoun non è riuscito a trascinare l’elettorato col suo programma di rinnovamento, scomodo all’opposizione anti-siriana guidata dal musulmano Saad Hariri, che si è assicurata la maggioranza in Parlamento. Molte ombre gravano sulla credibilità del futuro governo

Elezioni Palestina

Cambia il colore delle bandiere sventolate dai militanti: a quelle nere dell’erede di Arafat si sostituiscono quelle rosse dello sfidante Mustafa Barghouti. Cambia anche la divisa degli agenti di sicurezza: al posto delle stelle di David appaiono i berretti rossi palestinesi

Eroi e avvoltoi a New York

Eroi e avvoltoi a New York. Sembra il titolo di un nuovo film di Hollywood, in realtà sono due facce opposte della tragedia del World Trade Center un anno dopo l’11 settembre.Tutti morti, secondo le solenni dichiarazioni del Presidente Bush “affinché altri americani possano continuare a vivere liberi”. Liberi dalla paura di un nemico ormai sconfitto,forse,ma non dal cinismo di “avvoltoi” che vorticano intorno alla loro preda.

Mobile Phones Sponsor the Civil War in Congo

Il coltan è un minerale tanto prezioso per i colossi della telefonia mobile quanto per il Raggruppamento congolese per la democrazia. La milizia ribelle riesce a rivendere illegalmente il minerale ricavando 1 milione di dollari al mese, investiti poi nella guerra contro l’esercito governativo. Migliaia i contadini locali strappati alle loro terre e costretti ad estrarre il prezioso coltan : quali sono i reali legami tra belligeranti e compagnie telefoniche?