Aria avvelenata: l’Ue da carta bianche all’industria dell’acciaio

Le accierie e l’industria in generale devono rispettare i nuovi limiti di emissione Ue a partire dal 2016. Ma i giganti dell’acciaio, i secondi maggiori inquinatori industriali in Europa, hanno annacquato i loro obblighi facendo lobbying. L’introduzione delle tecnologie necessarie per pulire i loro sporchi fumi è solo un’opzione, non un requisito. I cittadini europei pagano circa 60 miliardi di euro per emergenze mediche e morti premature associate alle emissioni industriali.